Dieci anni fa gli anziani si incontravano alla Bennet, a prender il fresco in corsia surgelati… te li ricordo bene. Li guardavi con stizza, li dribblavi come fossi Pietro Paolo Virdis, sognavi di avere il baffetto, la cabriolet, la casa vista mare Oggi eccoli qui, GLI ANZIANI, belli arzilli su Whatsapp a spammar gattini e buongiornoni glitterati come non ci fosse un domani.
Li guardi con la stessa stizza per fingere che nulla sia cambiato.
Eccoti qui alla soglia degli anta, miserabile perdente! E’ mattino presto, troppo presto… una cornacchia ti gracchia le cervella come una puntina rotta. Cerchi un vecchio disco dei 16 HorsePower, lo appoggi sul piatto e accendi la moka. Socchiudi gli occhi e lasci sobbollire quei due neurini che ti son rimasti in testa. Il tuo battito accelera da solo, i tuoi occhi cercano di strizzar via il fastidio. Resistere, è inutile, l’hai capito dai. Era ora.
Rimbalzi sui muri, ritorni in te stesso. Pochi attimi e sempre quelli sbagliati.
Sei tu, convinciti, ti capisci a poco a poco mentre scivoli via e ti raccogli continuamente come un gran soilel abbondonato sul marciapiede di viale umbria. Non c’è vento, resta lì, si spostan solo le certezze ma quelle non le vedi quasi mai.
Il disagio è come Il Nulla della Storia Infinita, dilaga, invade, conquista, avanza come un esercito di soldatini.
Non lo vedi più tra le montagne, è digitale ormai…divora le bacheche perchè il tempo reale l’ha già consumato. Fai un esercizio, ORA, chiediti chi sei. Fallo davanti allo specchio, fallo adesso!
Tu sei Atreiu, figlio di tutti. Hai coraggio e un talento che ancora non sai di avere in saccoccia. Stronzo.
Sono mesi che vaghi nelle Paludi della Tristezza, ti crogioli nello sconforto. Passo dopo passo il tuo cavallo Artax ha perso la speranza nella missione tanto che, sprofondato nella più cupa desolazione, perde ogni gioia di vivere e si lascia affondare nelle acque fangose, morendo sotto lo sguardo impotente e flacido del tuo padroncino.
Oggi però è il tuo giorno fortunato, lo sai? Ti sto offrendo un FortunaDrago, ci salti e cominci la Grande Ricerca. La risposta alla domanda che ti tormenta da sempre e per sempre è solo qui!
Non avere paura, ritornerai con l’elisir…farai tornare bambini tutti gli anziani del quartiere.

Cosa Faccio Stasera? Tutti i concerti più fighi d’italia OGGI Giovedì Luglio 2018

Cosa Fare Stasera a Milano

♥♥♥♥ Emiliana Torrini & The Colorist alla Triennale
L’islanda che non chiude giammai i porti dell’ammmuore

♥♥♥ Mecna al Magnolia
Mi fa sempre pensare a un gioco tipo lego tecnico che di solito mollavo dopo 5 min

♥♥♥ Bianco al Carroponte
Ci andrei solo per variare al solito “vado in bianco o mangio in bianco. stasera vado da Bianco, con la bbi maiuscola

 

Emilia Romagna

♥♥ Colombre alle Serre dei Giardini Margherita di Bologna
Serata Sympatia, Serata Allegria, Serata Entusiasmo.

Torino

♥♥♥ Alborosie al Padiglione 14 di Collegno
Torino brusha cullu reeeegae.

Toscana

♥♥♥♥♥ Gorillaz a Lucca
Lo spazio cosmico supermegawow. Come cantavano i modena city ramblers però: “l’importante è non cadere dal palco”

♥♥♥♥ The Veils a Prato
Carezze affilate come coltelli

♥♥ Mengo Music Festival ad Arezzo
La solita minestra:  Cosmo, Ivreatronic, Willie Peyote, Gemitaiz, Coma_Cose, Ministri, Gonorrea

Napoli

♥♥♥♥ Bits Festival a Salerno
Noyz Narcos e Tedua,  cà_zzi_mma, mica sfacci_mmi

a cura di Tum Vecchio