Photo Gallery

(di Giulia Bartolini)

Live Report

Milano, 16 maggio 2017

Dai su, parliamoci chiaro, a chi non è mai successo di innamorarsi a un concerto? Ti metti lì, in mezzo al pubblico in un punto che ti sembra il migliore, le luci si spengono, le urla, le prime note e poi ti giri ed ecco, a tre persone da te vedi quegli occhi che mamma mia, perché non ti ho visto prima? Ecco, la performance di Levante all’Alcatraz di Milano è stata un po’ come innamorarsi a un concerto, un connubio perfetto fra musiche, vocalità e sorrisi, da mettersi lì, chiudere gli occhi, mordersi il labbro sotto e sospirare.

È andato tutto secondo i piani: un insieme di hit del passato e brani tratti dal nuovo disco (che non mi era piaciuto, ma suonato live ha regalato un impatto positivo). Lei piena di vita e bella da far spavento, si è mossa sicura su un palcoscenico che pare sia diventato il suo salotto di casa. Visual molto belli, colori accesi, coerenti al mood dello spettacolo. Ragazza con zainetto ciondolante a parte, (che guarda, se sei ancora viva è merito della divina provvidenza), è stato un concerto pieno di vita, un vero sold out messo a tacere dalla forza di una ragazza che, come dice lei, ha saputo credere nel suo sogno, e con una chitarra acustica, una voce non microfonata e tanta forza è riuscita a far cantare Abbi cura di te all’intero Alcatraz. Stonati, intonati, uomini, donne: ha fatto cantare tutti. Io ho rovinato i timpani dei i miei vicini (compreso quel ragazzo a tra persone di distanza). Sono uscita sorridente e assetata: segni indiscutibili che il concerto è stato una vera bomba. Ci vediamo questa estate Claudia, sei una forza.

Giulia Bartolini