Ari Roar – Calm Down: Recensione

“Calm Down” è l’album di debutto di Caleb Campbell, in arte Ari Roar, cantautore di origini texane il cui viaggio all’interno della musica è iniziato a Dallas, precisamente in un garage, dove ha cominciato regi...

Boy Azooga – 1, 2, Kung Fu!: Recensione

Persi tra il dream pop e il rock barocco, ma abbastanza lucidi e freddi da guardarsi anche alle spalle, al big beat, o alla psichedelia degli anni 60, i Boy Azooga si trovano costretti a fare i conti con la com...

Death Grips – Year of the Snitch: Recensione

I Death Grips sono un gruppo rivoluzionario, ma la loro rivoluzione l’hanno già fatta sei anni fa con l’esordio “The Money Store”. I Death Grips rimangono comunque dei rivoluzionari e quindi, ancora oggi, con q...

Let’s Eat Grandma – I’m All Ears: Recensione

Dopo essersi fatte un (pessimo, ce lo concederanno) nome con il loro Ep d'esordio ”I, Gemini” (2016), quando avevano solo rispettivamente 16 e 17 anni, per Jenny Hollingworth e Rosa Walton è arrivato il momento...

Rex Orange County – Apricot Princess: Recensione

Rex Orange County ha vent’anni, ma al tempo di "Apricot Princess", il suo secondo album (uscito nell'aprile del 2017 e oggi pubblicato in versione vinile), ne aveva a malapena diciannove: e si sentono tutti nel...

Gorillaz – The Now Now: Recensione

La band virtuale di maggior successo di sempre, i Gorillaz, pubblica il suo sesto album "The Now Now" il 29 giugno. Facciamo un attimo il punto per coloro che non hanno familiarità con i Gorillaz: sono una band...

Dirty Projectors – Lamp Lit Prose: Recensione

A distanza di un anno dall’ultimo omonimo album, tornano in una veste completamente nuova i Dirty Projectors di David Longstreth con il disco “Lamp Lit Prose”. Si potrebbe parlare di una vera e propria rinascit...

Rayland Baxter – Wide Awake: Recensione

Detto fatto, Rayland Baxter, il poeta rock, ha realizzato il suo sogno. Vi state chiedendo quale? Semplice, quello di barricarsi in uno spazio in cui poter dedicare ogni ora del giorno e della notte alla scritt...

Snail Mail – Lush: Recensione

"Lush" è il debut-album degli Snail Mail, gruppo capitanato e costruito attorno alla giovane compositrice Lindsey Jordan, classe 1999. La Matador Records ha creduto in questo progetto, diametralmente opposto al...