lowinsky

Lowinsky – S/T Ep: Recensione

I Lowinsky hanno almeno due grandi qualità. Partiamo dalla prima. Si tratta della loro innata capacità di scrivere canzoni talmente intriganti e dirette, da conquistare la testa senza passare dal repeat in cuff...

Cosmo – Cosmotronic: Recensione

Del suo precedente disco, Cosmo parlava come del lavoro in cui si era maggiormente divertito. Ascoltando “Cosmotronic”, si sente l’esigenza di riformulare il concetto di divertimento, perché dentro c’è un inter...

Monolithic Elephant – S/T: Recensione

L’esordio della band catanese Monolitich Elephant mette ben in mostra un trio con le idee chiare. Sei brani per più di un’ora di musica pesante, ricercata, di nicchia, che piacerà ai patiti del genere, mentre d...

Bianco – Quattro: Recensione

“Quattro”, nuovo album del cantautore torinese Bianco, ha una grande qualità: può essere ascoltato ed apprezzato nei contesti più vari e diversi. Possiede la leggerezza pop che lo rende perfetto come colonna so...

Giancane – Ansia e Disagio: Recensione

Giancane è un personaggio di quelli che o si amano o si odiano, o si capiscono o non si capiscono. Cantautore romanaccio salito alla ribalta con l’esordio rivelazione di due anni fa Una vita al top, in questo s...

Belize – Replica Ep: Recensione

Accendo Spotify, riproduzione casuale. Qualche nota e li riconosco subito, i Belize. Difficile sbagliarsi, ancor di più confonderli. I Belize sono un gruppo giovane e dinamico, nato artisticamente a Varese nel ...

Willie Peyote – Sindrome di Toret: Recensione

Nel lontano 1980 un grande scrittore si chiedeva come ci avrebbero giudicato i posteri. Con quel tanto di ironia e sarcasmo che lo contraddistingueva, si dette questa risposta: «Come scimmie che imitano scimmie...

Love Shower Love – Common Useless Mistakes

A volte servono anni e anni per crearsi un’identità. I Love Shower Love, dopo i trascorsi grunge a nome Ashen Wave e un decennio circa in lingua italiana come LaCorte, sembrano averla finalmente trovata. “Commo...

Hawaii Zombies – S/T EP: Recensione

L’Italia gode da sempre di una fitta schiera di band semi, se non del tutto, sconosciute, che suonano con grinta e passione nei garage e in piccoli locali. Un esempio più che valido è quello dei milanesi Hawaii...

Mothell: ecco il nuovo Ep del duo comasco

Si chiamano Mothell, vengono da Como e sono un potente duo di electro/power-pop ispirato agli anni '80. Nati dalla collaborazione fra Edgar (Andrea Ragusa) e Marco Monti, entrambi compositori e sound designer, ...

I 15 migliori dischi italiani del 2017

Non c'è che dire. Quest'anno la musica "indie" italiana ha registrato un successo che fino a poco tempo fa non si poteva nemmeno immaginare. Roba che anche alle scuole medie, adesso, ascoltano quello che tanti ...

Brucke – Yeti’s Cave Ep: Recensione

Questi anni ostili fatti di musica commerciale sono riusciti ad insegnarci poche cose. Una di queste è che non dobbiamo mai giudicare un album dalla sua copertina e, soprattutto, dalla sua track-list. Vogliano ...

Stella Maris – S/T: Recensione

Da Moltheni a Umberto Maria Giardini agli Stella Maris, progetto nuovo nuovo nato dall’unione del cantautore marchigiano con il polistrumentista Ugo Cappadonia e una all-star band dell’indie italiano che vede G...

HAVAH – Contravveleno: Recensione

Michele Camorani, mente di Raein e La Quiete, ha pubblicato il suo terzo album con il progetto HAVAH, “Contravveleno”, uscito per la Maple Death Records. I testi del disco sono una trasposizione delle storie di...

Andrea Poggio – Controluce: Recensione

Esordio solista per Andrea Poggio, già cantautore sotto le spoglie dei Green Like July, che con questa prima raccolta a suo nome getta la maschera, si presenta di persona, e riparte dal suono di “Build a Fire” ...